John C. Lilly e la Deprivazione Sensoriale

La vasca di deprivazione sensoriale, chiamata anche vasca di isolamento o vasca di galleggiamento (floating, in inglese), è uno strumento inventato dal Dr. John C. Lilly alla fine degli anni cinquanta per lo studio degli stati di coscienza. Lavorando nei laboratori del National Institute of Mental Health (NIMH), il Dr. Lilly trovò una grande vasca usata durante la seconda guerra mondiale per lo studio sui sommozzatori. Decise di adattarla ai suoi scopi al fine di studiare meglio gli effetti della deprivazione sensoriale sul cervello umano e sulla mente. Il dibattito scientifico a quell'epoca verteva sulla possibilità che il cervello umano smettesse di funzionare in assenza di stimoli sensoriali. Per investigare su questa possibilità, John Lilly cercò di trasformare questa vasca in uno strumento in grado di ridurre al minimo gli stimoli esterni. Originariamente la vasca permetteva allo sperimentatore di restare in una posizione verticale, ma successivamente gli studi proseguirono su una ad assetto orizzontale. La vasca era piena di acqua satura di Solfato di Magnesio ("Sali di Epsom"), mantenuta costantemente a temperatura corporea in modo da eliminare la sensazione tattile. Il corpo dello sperimentatore si trovava così a galleggiare in assenza di gravità in un liquido isotermico. L'assenza degli altri stimoli veniva garantita isolando la vasca da luce e rumori esterni.
John Lilly sperimentò in segreto la vasca su se stesso, portando il suo organismo in assenza di stimoli per molte ore di seguito. Da queste esperienze capì che il cervello non smetteva affatto di funzionare, e constatò che il galleggiamento gli aveva conferito la sensazione di riposo più profonda che avesse mai provato, una sensazione psicofisica di pace ed estraneità dal mondo paragonabile a quella che viene raggiunta dai monaci buddisti con la meditazione.
 
 
 
parallax background

 
 
Per quasi vent’anni dalla sua invenzione, la vasca venne utilizzata solo nei laboratori scientifici, esclusivamente nell’ambito della ricerca. Fu solo negli anni settanta che il Floating cominciò a essere preso in seria considerazione anche nel campo dell’assistenza sanitaria alternativa, grazie a una coppia californiana (Glenn e Lee Parry) che, con l’aiuto del Dr. Lilly, cominciarono a sperimentare nuovi design per la vasca con l’intenzione di introdurla nel mercato del benessere. Dopo diversi esperimenti, Lilly e i coniugi Perry progettarono un modello pronto per l’uso commerciale, e lo chiamarono Samadhi (parola che fa riferimento a un particolare stato di coscienza tipico della meditazione zen). Il Samadhi riscosse molto successo soprattutto tra le celebrità che potevano permettersi l’acquisto per le loro abitazioni (John Lennon, Kris Kristofferson e Robin Williams, per citarne alcuni).
Una nuova industria era nata.

Verso la fine degli anni '70 e '80, i centri di Floating cominciarono a spuntare negli Stati Uniti, ma lo spavento dell'AIDS negli anni '80 diede un grande colpo all'industria, dal momento che non era ancora chiaro, all’epoca, come la malattia si sarebbe potuta diffondere.
È stato solo di recente che la Floating Therapy, grazie al supporto di numerosi studi scientifici e opere di divulgazione, ha fatto ritorno negli Stati Uniti e ha cominciato a diffondersi nel mondo.

 

Tra le varie opere divulgative, ci teniamo a citarne una particolarmente ispirata,
che spicca per accuratezza e precisione:
The Book of Floating: Exploring the Private Sea”, un libro di Michael Hutchison.
 

MICHAEL HUTCHISON
e
LE SETTE TEORIE DEL FLOATING

"il galleggiamento è uno strumento con caratteristiche terapeutiche, educative e di svago che porta benefici a livello fisico, emozionale, intellettivo e spirituale"

MICHAEL HUTCHISON

 
Nel libro "The Book of Floating", Michael Hutchison scrive:

Non c'è dubbio che il Floating funzioni davvero. Come strumento terapeutico, educativo e di intrattenimento ha effetti potenti su molti livelli, incluso quello fisico, emotivo, intellettuale e spirituale.
Ma perché è così efficace? Cosa ci può essere di così vantaggioso in una pratica sostanzialmente passiva? Queste domande hanno affascinato gli scienziati, e oggi c'è molta ricerca sul Floating nei laboratori di tutto il mondo.

Le prove accumulate fino ad ora hanno fatto nascere molte teorie distinte, sebbene correlate. Tra le più importanti, ne ho individuate sette
."

La galleggiabilità offerta dalla densa soluzione salina Epsom elimina la gravità specifica del corpo, conducendo il "Floater" vicino a un'esperienza di totale assenza di peso. La gravità, che è stato stimato occupi il 90% di tutta l'attività del sistema nervoso centrale, è probabilmente la causa di gran parte dei problemi muscolari e scheletrici: i dolori alle spalle, i cedimenti addominali, i piedi doloranti, le articolazioni dolorose e la tensione muscolare che derivano dalla nostra postura eretta innaturale. Questa teoria afferma che, liberando il nostro cervello e il sistema scheletrico/muscolare dalla gravità, il Floating permette al nostro corpo e alla nostra mente di sprigionare grandi quantità di energia che possiamo sfruttare per sciogliere i nodi della mente, dello spirito e per stimolare una maggiore consapevolezza degli stati interni.

Più interessanti delle ben note “onde alfa" generate dal cervello nei momenti di rilassamento, sono le lente “onde theta” (tipiche della fase REM), che sono spesso accompagnate da ricordi vividi, associazioni libere, intuizioni improvvise, ispirazioni creative, sensazioni di serenità e unione con l'universo. Lo “Stato Theta” è uno stato misterioso, inafferrabile, potenzialmente molto produttivo e illuminante. Ma gli scienziati hanno avuto difficoltà a studiarlo perché è difficile da mantenere, dal momento che le persone tendono ad addormentarsi una volta che iniziano a generare onde theta. Un modo per imparare a stimolare il cervello nella loro produzione senza addormentarsi è quello di perfezionare l'arte della meditazione. Uno studio dei monaci Zen condotto da Akira Kazamatsu e Tomio Hirai, in cui le onde cerebrali dei monaci erano tracciate mentre entravano negli stati meditativi, indicava che i quattro piani meditativi che i discepoli erano addestrati a raggiungere con anni di addestramento, erano paralleli rispettivamente agli stati Alfa, Beta, Gamma e infine il più sublime Theta. I monaci con oltre vent'anni di esperienza meditativa generavano la maggior quantità di theta. Tuttavia, poiché molti di noi non sono disposti a trascorrere venti anni di mediazione per imparare a generare onde theta, è utile sapere che diversi studi recenti (presso Texas A & M e l'Università del Colorado) hanno dimostrato che il Floating ne aumenta la produzione. I Floaters entrano rapidamente nello Stato Theta rimanendo svegli, coscientemente consapevoli di tutte le immagini vivide e dei pensieri creativi che passano attraverso le loro menti e, dopo essere usciti dalla vasca, continuano a generare maggiori quantità di onde theta che promuovono la creatività fino a tre settimane.

I due emisferi o la neocorteccia operano in modi fondamentalmente diversi. L'emisfero sinistro eccelle nei dettagli, elaborando informazioni di piccola scala che richiedono una risoluzione precisa: opera analiticamente, mediante scissione o dissezione. L'emisfero destro, d'altra parte, è bravo a mettere insieme tutti i pezzi. Funziona mediante riconoscimento di pattern  (assorbendo visivamente e intuitivamente informazioni su larga scala). Proprio come nel sole di una giornata luminosa è impossibile vedere le stelle, così anche i contenuti sottili dell'emisfero destro sono solitamente soffocati dal rumoroso chiacchiericcio tipico dell'emisfero sinistro, che è verbale e analitico. Recenti ricerche indicano che il Floating aumenta la funzione dell'emisfero destro. Disattivando gli stimoli esterni, ci si immerge prima nell'oscurità letterale e figurativa, e poi improvvisamente in un universo di stelle e galassie che si espande davanti ai nostri occhi. Per citare il dott. Thomas Budzynski dell'Università del Colorado, ricercatore neuroscientifico: "In una vasca di Floating, l'emisfero destro esce e dice: Whoopee!!".

In una serie di studi prodotti negli ultimi venticinque anni, Paul MacLean, capo del settore di ricerca neuroscientifica presso il National Institute for Mental Health (USA), ha prodotto prove convincenti sul fatto che il cervello umano abbia tre strati fisiologici separati, ciascuno corrispondente ad un stadio della nostra storia evolutiva.
In questa "Teoria del cervello Trino", lo strato più antico è chiamato Cervello Rettiliano e controlla le funzioni basilari di autoconservazione, riproduzione e mantenimento della vita.
Sopra al Rettiliano, c’è lo strato del Sistema Limbico, che MacLean aveva soprannominato il cervello viscerale, perché genera tutte le nostre emozioni.
La parte sviluppata più di recente nel cervello è il "cappuccio pensante" della materia grigia contorta chiamata Neocorteccia, sede delle nostre funzioni astratte e cognitive: memoria, intelletto, linguaggio e coscienza.
Anche se molti di questi "tre cervelli" hanno funzioni sovrapposte, sono tutti molto diversi in chimica, struttura, azione e stile. Tre cervelli dovrebbero essere meglio di uno, ma sfortunatamente, a causa di un rovinoso errore di progettazione, non vi è sufficiente comunicazione e coordinamento tra la Neocorteccia e i due livelli precedenti. Questa mancanza di comunicazione si traduce in una dissociazione cronica tra il cervello superiore e inferiore, che MacLean chiama “schizofisiologia", e che sperimentiamo sotto forma di discordanze conflittuali: inconscio e conscio, selvaggio e civilizzato, lussurioso e amorevole, etc. Ci sono momenti in cui i livelli agiscono in armonia, come nelle esperienze di picco in cui il corpo e la mente si uniscono in momenti esilaranti di vitalità, quando le nostre azioni avvengono senza sforzo, spontaneamente. Ma è difficile prevedere quando si verificheranno questi momenti perfetti.
Oggi ci sono prove che suggeriscono che, a causa dell'aumento della consapevolezza interna e della diminuzione della sensibilità fisica, il Floating aumenta l'organizzazione verticale del cervello, migliorando la comunicazione e l'armonia tra i livelli separati.

I neuroscienziati hanno recentemente scoperto che il cervello è un organo endocrino che secerne numerosi neurochimici che influenzano il nostro comportamento. I nostri cervelli secernono ormoni che ci rendono felici, ansiosi, depressi, timidi, assonnati, etc. Ognuno di noi crea quantità diverse di questi vari neurochimici e coloro che creano, per esempio, più endorfine - oppiacei naturali - provano più piacere a seguito di una determinata esperienza rispetto a quelli che creano meno endorfine. I test indicano che il Floating aumentava la secrezione di endorfine e, allo stesso tempo, riduce i livelli di un molti neurochimici legati allo stress come adrenalina,norepinefrina, ACTH e cortisolo (sostanze che possono causare tensione, ansia, irritabilità e che sono in relazione a disturbi come malattie cardiache, ipertensione e alti livelli di colesterolo). Un'altra teoria neurochimica è la spiegazione del "ritorno dell'utero". Poiché le donne incinte producono fino a otto volte i normali livelli di endorfina, il feto sperimenta la vera felicità prenatale. Quando un Floater è sospeso nella soluzione densa, racchiuso nell’oscurità, il corpo pulsa ritmicamente, e il cervello tira fuori le endorfine, è possibile che i ricordi inconsci del momento prenatale riemergano e scaturiscano associazioni mentali molto profonde.

Grazie alla ricerca sul Biofeedback, ora sappiamo che gli esseri umani possono imparare a esercitare un controllo cosciente su praticamente ogni cellula del loro corpo. I processi che per molto tempo sono stati considerati involontari (come la velocità e l'ampiezza delle nostre onde cerebrali, la guarigione, la pressione sanguigna, il ritmo e la forza delle contrazioni cardiache, la frequenza respiratoria, e la secrezione di ormoni e neurotrasmettitori), ora si è scoperto che sono controllabili.
Le macchine di Biofeedback funzionano indirizzando la focalizzazione e la concentrazione su un singolo, sottile cambiamento nel corpo, che viene amplificato dalla macchina, stimolandoci a interrompere la nostra consapevolezza dell'ambiente esterno.
Questa chiusura agli stimoli esterni è esattamente ciò che la Vasca di Deprivazione Sensoriale sa fare meglio! Il Floating ci funziona quasi come una macchina "biologica" di Biofeedback. Nella vasca, ogni sensazione fisica è amplificata, e poiché non c'è possibilità di distrazione esterna, siamo in grado di rilassarci profondamente e concentrare la nostra consapevolezza su qualsiasi parte o sistema del corpo.

Il corpo umano ha un sistema di autocontrollo e autoregolazione squisitamente sensibile che lavora costantemente per mantenere il corpo nell'omeostasi, cioè uno stato ottimale di equilibrio, armonia, equilibrio e stabilità. Considerato in questi termini, possiamo definire lo stress come una rottura del nostro equilibrio interno, un disturbo della nostra omeostasi naturale. La ricerca ora indica che molti degli effetti più potenti del galleggiamento derivano dalla sua tendenza a riportare il corpo in uno stato di omeostasi. Quando consideriamo la mente e il corpo come un singolo sistema, diventa chiaro che gli stimoli esterni stanno costantemente combattendo contro l'equilibrio di questo sistema: ogni rumore, ogni grado di temperatura sopra o sotto il livello ottimale del corpo, ogni incontro con altre persone, tutto ciò che vediamo e sentire può disturbare la nostra omeostasi. Ma quando entriamo nella Vasca, improvvisamente smettiamo di fare aggiustamenti costanti agli stimoli esterni. Dal momento che non ci sono minacce esterne, nessuna pressione per adattarsi agli eventi esterni, il sistema può finalmente dedicare tutte le sue energie al ripristino del suo stato "normale". Questo stato, naturalmente, è salute, vigore, entusiasmo e immenso piacere nell'essere vivi.